Orto botanico d’altura

Erminio Dioli

Se vi capita di vedere il pino mugo, l’erba Iva, il tarassaco, in compagnia del larice, della celidonia, del millefoglio o della malva, allora siete all’Orto botanico d’altura E. Dioli in località Sant’Antonio di Caspoggio.

Si tratta di un piccolo scrigno, un unicum, dedicato a studio, conservazione, valorizzazione e divulgazione delle tradizioni d’uso delle specie vegetali autoctone della Valmalenco.

L’Orto botanico è caratterizzato dallo stretto connubio tra piante e territorio, testimoniato ed esaltato dai risultati della ricerca etnobotanica, volta ad indagare l’uso popolare delle specie vegetali, realizzata dall’Università degli Studi di Milano (DISFARM). Essa ha coinvolto 400 abitanti della Valmalenco, dal 2019 al 2022, nell’ambito del progetto Interreg V-A Italia Svizzera B-ICE & Heritage.

L’Orto botanico d’altura è dedicato a Erminio Dioli, architetto e maestro d’arte nato a Caspoggio alla fine dell’800, allo scopo di creare un circuito culturale con il Dioli Museum di Caspoggio sulla vita e le opere dell’artista.

Elemento distintivo dell’Orto botanico è l’impronta inclusiva con cui è stato ideato e progettato: spazio di accoglienza senza ostacoli, aperto alle relazioni ed all’apprendimento per tutti.

News

Come raggiungerci a piedi

Luglio 21, 2024

Come raggiungerci a piedi
Aperitiv’orto

Luglio 20, 2024

Aperitiv’orto
Mostra Seduzione Repulsione – quello che le piante non dicono

Luglio 19, 2024

Mostra Seduzione Repulsione – quello che le piante non dicono
previous arrow
next arrow